MARCO SCOPIGNO - Responsabile della comunicazione di IDeA FIMIT sgr

Pillola: “Le parole fanno la differenza. Siate precisi”

49 anni
Roma


Ho iniziato nelle relazioni con i media, prima in una società del gruppo Ferrovie dello Stato, poi in Sviluppo Italia e Lottomatica, adesso nel mondo dei fondi immobiliari italiani.
I social network stanno cambiando la comunicazione finanziaria sostanzialmente e velocemente. Il lavoro che prima facevamo con le agenzie di stampa, oggi si fa con Twitter. Ma la cosa più importante, non solo nella comunicazione, resta la precisione, l'esattezza. Mi verrebbe da citare un grande scrittore e intellettuale italiano come Italo Calvino, che faceva dell'esattezza uno dei suoi valori fondamentali. Nella comunicazione bisogna ragionare un po' come nel lavoro artigianale: una parola al posto di un'altra cambia il senso di una frase, cambia il contenuto di quello che vuoi comunicare. Devi sempre tenere presente a chi ti stai rivolgendo. Per poi scegliere le parole giuste, esatte.

Il consiglio che darei alle mie figlie è quello di essere precise, esatte. Di curare i particolari. Questo si può fare, per esempio, per la lettura. I libri sono il bagaglio che possiamo trasmettere. Prendete da ogni libro una o due parole che lo possano riassumere. Perché sono le parole, singole, uniche, che fanno la differenza.